Augusta touring-Le tradizioni, la storia, i monumenti, le immagini del territorio.
HomeIndice Augusta Provincia Ricerca argomenti Prenota alberghi Find hotels
CULTURA E TRADIZIONI
LA COLONNA SONORA DEL VENERDI SANTO di Giuseppe Carrabbino
Con questa nota lo studioso di tradizioni ringrazia il musicista augustano Roy Paci per la sensibilità dimostrata verso le musiche tradizionali della settimana Santa di Augusta ,musiche raccolte nel cd "Passione".
Visit www.augustaonline.it

Il trombettista augustano Roy Paci a Zelig La lunga giornata del venerdì santo ad Augusta è per antica tradizione caratterizzata dalla doppia processione del Cristo morto. All'alba la confraternita di San Giuseppe dell'antico ceto dei mastri d'ascia si reca in visita di adorazione ai Sepolcri apparecchiati nelle chiese della città. Il simulacro del Cristo viene recato processionalmente in una pregevole urna di legno scolpito e dorato dai confrati in abito penitenziale. Nel pomeriggio, dopo la cerimonia detta "a scisa a cruci" ha luogo la processione liturgica del cristo morto curata dalla confraternita dell'Immacolata cui si aggiunge durante il percorso il venerato simulacro dell'Addolorata venerato nella chiesa di S. Francesco di Paola. Dall'alba fino a tarda sera nelle strade della città si rinnova la passione di Cristo con un rituale denso di emozioni. Le chiese parate a lutto, i simulacri, gli abiti penitenziali, le troccole, u laureddu, sono tutti elementi indispensabili dell'azione scenica del venerdì santo. Senza dubbio l'emozione viene resa ancora più forte dalle struggenti marce funebri che costituiscono la colonna sonora dell'intera giornata. Si tratta di marce composte nel corso del Novecento dai maestri della banda musicale "Città di Augusta" intercalate da altre inserite nel repertorio delle bande meridionali. Molti di questi brani sono conosciuti dal popolo con in numero progressivo del libretto in dotazione ai componenti del corpo bandistico, altre con il nome del compositore, altre ancora con il titolo proprio.
Il repertorio viene riproposto annualmente in luoghi ben definiti, sicché durante il percorso il popolo associa luogo e marcia. L'uscita e l'entrata in chiesa dei simulacri è caratterizzata dalla marcia Pianto Eterno di Quatrano; in via Epicarmo vengono eseguite le marce del maestro Giuseppe Passanisi; in via Principe Umberto la celebre Jone scritta nel 1858 da Enrico Petrella contemporaneo di Giuseppe Verdi, mentre in via XIV Ottobre la celebre Pace del Maestro Farina. L'esecuzione di queste struggenti composizioni musicali è una componente indispensabile del rituale che viene rivissuto in maniera sentita e partecipata.
Nell'ambito del rinnovato interesse per questo genere musicale, negli anni passati il musicista augustano Roy Paci in collaborazionecon con Gaetano Ramaci ed altri giovani siracusani incisero un cd dal titolo "Passione" prodotto da Fabio Barovero. Più volte Roy Paci,che è da poco reduce dalla trasmissione televisiva ZELIG, ha lamentato la scarsa attenzione degli amministratori locali nei confronti di chi opera per mantenere alto il nome di Augusta. Malgrado tutto, chi ama veramente questa città, continua ad operare per il recupero e la valorizzazione di tutto ciò che esprime la tradizione locale, anche senza l'apporto di chi avrebbe il dovere istituzionale di sostenere ogni forma di identità. Nel cd sono raccolte le più belle e significative marce funebri che fanno ormai parte della tradizione, grazie alla sensibilità del trombettista augustano e le nuove tecnologie si vuole attenzionare ciò che vive nel cuore e nella memoria collettiva. Un grazie a Roy Paci. Giuseppe Carrabino (ricevuto e pubblicato 14/aprile/2006)



CHIUDI
HTML by Internet Network Solutions