Augusta touring-Le tradizioni, la storia, i monumenti, le immagini del territorio.
CULTURA E TRADIZIONI
CASSARIZIO DEI CAPPUCCINI, 250 ANNI MA NON LI DISMOSTRA
di Giuseppe Carrabbino
Visit www.augustaonline.it

Augusta - Commissionato per la sagrestia della soppressa chiesa di San Francesco e della Madonna degli Angeli, il cassarizio è uno dei pochi arredi salvati del complesso conventuale dei Padri Cappuccini. Si tratta del mobile per la custodia degli arredi e parati sacri che un tempo si trovava nella chiesa cappuccina di via Principe Umberto, edificata all'inizio del XVII secolo e demolita nel 1933 per consentire la costruzione - nell'area di risulta - di un plesso scolastico.
Il cassarizio, unitamente agli altri arredi custoditi dai Padri Cappuccini, era stato destinato per la nuova chiesa del Sacro Cuore di Gesù, edificata con il ricavato della vendita della chiesa dei Cappuccini. Il cassarizio che reca la data del 1757, verosimilmente l'anno della sua costruzione fu preso in consegna dai frati e trasferito nella chiesa del Soccorso dove si trova tutt'ora. Considerate le vicissitudini di tutte le altre opere, c'è veramente da congratularsi con l'azione dei frati del tempo che riuscirono a mettere in salvo diversi arredi portandoli nella chiesa attigua al conventino realizzato nel 1902. Le altre opere destinate al Sacro Cuore sono andate disperse, ad eccezione della custodia eucaristica che trovasi nel Museo che i frati hanno realizzato a Caltagirone.
Ricordare ai nostri giorni l'anno di realizzazione del pregevole mobile dei Cappuccini deve servire soprattutto a tenere alta l'attenzione verso il patrimonio storico-artistico della città che merita di essere conosciuto e valorizzato. Giuseppe Carrabino



CHIUDI
HTML by Internet Network Solutions